Formare

C’è un rapporto imprescindibile tra fare impresa e formazione, in questo periodo storico si posizionano al centro di qualsiasi dibattito sociale/economico/politico.
La formazione costituisce un legame molto forte tra impresa e risorse umane, diventa fondamentale per i paesi con economia avanzata.
Sono della convinzione che, investire in formazione si può fronteggiare i gravi problemi occupazionali che ci affliggono, si può sostenere anche una crescita economica ed essere competitivi con i vari sistemi produttivi, sia essi nazionali oppure nel mercato globale.
Ma questo legame,tra la formazione e il lavoro non è certamente un percorso privo di ostacoli.
Quello formativo appartiene alla cultura del sapere/saper essere/saper fare/saper far fare.
L’altro in se, appartiene all’economia, che necessariamente devono essere posti in una unica relazione,infatti la particolarità, sta, che, bisogna avere cura delle risorse umane, educando, ottimizzando, al fine di incrementare i processi produttivi.
Per queste naturali esigenze ci si pone l’attenzione al fine di individuare nuove tecniche e creare nuove forme di relazione, tra la formazione mirata ed il mercato per il lavoro.
Quindi, mi chiedo: Se la formazione costituisce un legame molto forte tra impresa e le risorse umane ;
Quanto sappiamo di formazione?
Ci siamo mai chiesti cosa vuol dire (semantica) formazione?
Ci siamo mai preoccupati di capire se ci sono delle tecniche, di come gestire un’aula?
Ci siamo mai preoccupati di capire se ci sono delle tecniche, di come ci si muove in aula?
Ci siamo mai chiesti se esiste un determinato tempo per creare in aula un clima POSITIVO, creando simpatia, tramite l’empatia, per il primo approccio con i discenti?
Ci siamo mai chiesti di come fare formazione,e cosa vuol dire “metodo efficace”?
In poche parole,pratica vissuta sul campo?,
O teoria piena di polvere?
Se queste basilari e principali nozioni, non fanno parte del nostro SAPERE…bhe, stiamo dando tutto per scontato.
A mio avviso, …parlerei di “CORRETTO SVILUPPO PERSONALE”
Quindi, dobbiamo imparare tutti ad essere coscienti che siamo professionisti nel formare, fare immaginare, far riflettere, incuriosire, fare usare la propria intelligenza per sfruttare le proprie risorse della fantasia, nell’inventiva, nella creatività, guidarli nel far trovare la giusta soluzione.
Se in tutto questo non siamo Professionisti facilitatori, diventa un modello comunicativo crittografato, e tutto ciò che e’ crittografato diventa un’enigma per chi ci ascolta.
Dobbiamo dare INPUT …
Applicando i metodi e i canali della “COMUNICAZIONE EFFICACE” verbale, paraverbale, non verbale.
Tutti abbiamo un opinione di come fare formazione.
Certo !
Ma io penso, che l’arte nel FORMARE
..cambia con il dare un ESEMPIO…
non un’opinione..
FORMARE E’ ARTE !!
Annunci